Smog, Torino si sveglia fuorilegge, raggiunti i 35 sforamenti

Questa mattina Torino si è svegliata fuorilegge. A neanche due mesi dall’inizio dell’anno è stato infatti consumato il “bonus annuale” di 35 giorni di sforamento previsto per le PM10. A darne notizia è Legambiente. "E’ un’aria mefitica quella che nel capoluogo e nel resto della regione si respira ormai da settimane, la peggiore degli ultimi 4 anni."

Read more...

Ambiente, smog. Galletti e le associazioni del gas auto sulla procedura d'infrazione

La Commissione europea ha comunicato nei giorni scorsi di avere ammonito Germania, Francia, Spagna, Italia e Regno Unito in quanto non avrebbero affrontato le ripetute violazioni dei limiti di inquinamento dell'aria per il biossido di azoto (NO2), che, sottolinea la Commissione in una nota, costituisce un grave rischio per la salute e proviene per la maggior parte dal traffico stradale. Se gli Stati coinvolti non prenderanno subito misure adatte, la Commissione potrà decidere di deferirli alla Corte di giustizia dell'UE.

Read more...

Il signore dell'Artico

Dal 10 febbraio al 19 marzo 2017 a Genova, Museo di Storia naturale Giacomo Doria, mostra fotografica di Marso Urso.
Protagonista il signore dell'Artico, ovvero l'orso. L’inquinamento e l’aumento della temperatura del pianeta affliggono l’ambiente artico e influenzano l’esistenza dell’orso polare che, in decine di migliaia di anni, si è specializzato per sopravvivere in una delle zone più ostili del pianeta.

Read more...

Contro l'inquinamento riqualificazione energetica degli edifici

Rete IRENE e Legambiente condividono l’obiettivo di diffondere la cultura della riqualificazione energetica degli edifici e contemporaneamente ritengono che l'allarme smog non possa risolversi considerando solo le soluzioni per la mobilità. Il tema è particolarmente d'attualità, visto che è di questi giorni la notizia che l’Unione Europea potrebbe sanzionare l’Italia - si parla di un miliardo di euro - a causa della continua violazione da parte del nostro Paese delle norme sulla qualità dell’aria.

Read more...

Biometano, una nuova frontiera da 12mila posti di lavoro

Il biometano “fatto bene”, prodotto nel rispetto della biodiversità e dell’uso dei suoli agricoli, può rivestire un ruolo fondamentale nella strategia energetica del nostro Paese e sul fronte della lotta al mutamento climatico. È una grande opportunità per rendere più sostenibile il consumo di energia domestica e industriale ma anche la mobilità, per ridurre l’inquinamento atmosferico e migliorare la gestione dei rifiuti.

Read more...

Inquinamento atmosferico, l'UE approva nuove norme

Il Parlamento europeo e il Consiglio hanno adottato il 14 dicembre la nuova direttiva sui limiti nazionali di emissione sulla base di una proposta della Commissione che fissa in Europa limiti più rigorosi per i cinque principali inquinanti.
La direttiva, che entrerà in vigore il 31 dicembre 2016, permetterà, una volta pienamente attuata, di ridurre di circa il 50% gli effetti negativi sulla salute (malattie respiratorie, decessi prematuri) dovuti all'inquinamento atmosferico entro il 2030.

Read more...

16 dicembre 2016, Roma, XII Rapporto “Qualità dell’ambiente urbano”

A Roma il 16 dicembre dalle 11 alle 16 all'Auditorium MATTM, Via C. Bavastro, 180, presentazione del Rapporto sulla qualità dell’ambiente urbano (RAU), giunto alla XII edizione. Realizzato dal Sistema Nazionale per la Protezione dell’Ambiente - SNPA, si è consolidato negli anni come un riferimento per gli addetti ai lavori e per gli utenti grazie anche alle analisi e alle valutazioni degli esperti dell’SNPA sui numerosi dati presentati, accompagnando il lettore alla comprensione dei fenomeni. L’edizione 2016 del Rapporto aggiorna per tutti i 116 capoluoghi di provincia italiani un insieme di indicatori fondamentali per l’analisi della qualità ambientale delle città e per la valutazione della qualità della vita nelle aree urbane italiane.

Read more...

Taranto-Ilva, malattie e mortalità in crescita

E' stato presentato il 3 ottobre a Bari lo Studio Epidemiologico sugli effetti delle esposizioni ambientali sulla popolazione residente a Taranto. L’area è da anni oggetto di attenzione per le possibili ripercussioni sulla salute della popolazione delle emissioni ambientali derivanti dagli impianti industriali presenti, in particolare dell’impianto siderurgico ILVA.

Read more...

Plastica in mare, allarme di Greenpeace

Greenpeace ha pubblicato oggi un nuovo rapporto - "La plastica nel piatto, dal pesce ai frutti di mare" - sull'impatto delle microplastiche su pesci, molluschi e crostacei, oltre che sui rischi di contaminazione di tutta la catena alimentare, dal mare alle nostre tavole.
La presenza di frammenti di plastica negli oceani è un problema noto da tempo e, fa notare Greenpeace, sempre più drammatico. Mentre la produzione globale di plastica aumenta in modo esponenziale - erano 204 tonnellate nel 2002, 299 tonnellate nel 2013 - i nostri mari sono sempre più inquinati e la salute degli organismi marini sempre più a rischio.

Read more...
Subscribe to this RSS feed

Sezioni

Economia

Lifestyle

Green

 

Chi siamo

Seguici