Franchi di Assogasliquidi presidente di AEGPL, l’Associazione europea del GPL

Franchi di Assogasliquidi presidente di AEGPL, l’Associazione europea del GPL

Un italiano alla Presidenza di AEGPL, l’Associazione europea che riunisce le associazioni nazionali di GPL, rappresentative delle imprese impegnate nella fornitura e distribuzione di GPL e di quelle che costruiscono attrezzature e impianti. Si tratta di Francesco Franchi, numero uno di Assogasliquidi, l’Associazione di Federchimica che rappresenta le imprese italiane del comparto distribuzione gas liquefatti (GPL e GNL) per uso combustione e autotrazione.


L’elezione è avvenuta nell’ambito del Congresso annuale AEGPL, in corso a Lisbona, in Portogallo. È la prima volta nella storia che viene eletto un rappresentante di Assogasliquidi alla guida dell’Associazione europea.
Fanno parte di AEGPL i 28 Paesi dell’Unione europea e altri 7 Paesi quali Bosnia Erzegovina, Montenegro, Norvegia, Serbia, Svizzera, Turchia e Ucraina e le principali industrie di distribuzione e commercializzazione GPL operanti in Europa.
“È un grande onore per l’Italia e per me esser stato eletto alla Presidenza di AEGPL, un’Associazione che svolge un delicato e importante ruolo di rappresentanza del settore del GPL presso le Istituzioni comunitarie – ha commentato il neo Presidente Francesco Franchi -. Siamo infatti consapevoli del rilievo sempre maggiore che assumono per il nostro comparto le decisioni e gli indirizzi definiti dall’Unione europea in materia di energia, di sviluppo ambientale sostenibile, di trasporti e di fiscalità. L’elezione di oggi – ha proseguito - è frutto del grande lavoro di Assogasliquidi, nel contesto europeo, a testimonianza del costante impegno affinché ci siano politiche pubbliche che valorizzino il ruolo del GPL, quale fonte pulita e già disponibile, a tutto vantaggio di ambiente e salute dei cittadini”.
Tra i Paesi dell’Unione europea, l’Italia è il 3° su 28 per consumo di GPL, dopo Francia e Olanda, con una quota che supera l’11% sul totale, pari a oltre 30 milioni di tonnellate.
Il settore che consuma più GPL in Europa è quello chimico, con oltre 15 milioni di tonnellate, seguito da quello dei trasporti e da quello domestico, rispettivamente con 10 e 7 milioni di tonnellate.
Per quanto riguarda il mercato del GPL uso combustione (impieghi domestici, agricoli ed industriali), l’Italia è al 2° posto nell’area UE, dopo la Francia, con oltre 1,6 milioni di tonnellate e una quota di quasi il 20%.
Anche con riferimento all’autotrazione, all’interno dell’Unione europea, il nostro Paese è al 2° posto, dietro la Polonia, sia per numero di veicoli alimentati a GPL, con oltre 2,1 milioni di auto e una quota del 27%, sia per consumo di GPL, con oltre 1,6 milioni di tonnellate, pari al 29%.
Con più di 3.900 impianti, è 3° per numero di distributori presenti, dopo Germania e Polonia.

Last modified onMercoledì, 21 Giugno 2017 17:57
back to top

Sezioni

Economia

Lifestyle

Green

 

Chi siamo

Seguici