Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

Ipcc: limitare il riscaldamento globale a 1,5 ° C richiede cambiamenti rapidi e di ampia portata

Ipcc: limitare il riscaldamento globale a 1,5 ° C richiede cambiamenti rapidi e di ampia portata

Il  Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (IPCC) ha pubblicato lunedì una relazione speciale sugli impatti del riscaldamento globale. Nella relazione si sostiene che limitare il riscaldamento globale a 1,5 ° C è ancora possibile, ma richiede cambiamenti rapidi, di ampia portata e senza precedenti in tutti gli aspetti della società. Con evidenti benefici per le persone e gli ecosistemi naturali e la  garanzia di una società più sostenibile ed equa.

La relazione speciale sul riscaldamento globale di 1,5 ° C è stata approvata dall'IPCC sabato a Incheon, Repubblica di Corea. Sarà un importante contributo scientifico alla Conferenza di Katowice (Polonia) sui cambiamenti climatici che si terrà a dicembre, quando i governi rivedranno l'Accordo di Parigi per affrontare i cambiamenti climatici.
 
"Con oltre 6.000 referenze scientifiche citate e il contributo dedicato di migliaia di revisori esperti e governativi in ​​tutto il mondo, questo importante rapporto testimonia l'ampiezza e la rilevanza politica dell'IPCC", ha affermato Hoesung Lee, presidente dell'IPCC.
 
Novantuno autori e revisori di 40 paesi hanno preparato il rapporto IPCC in risposta a un invito della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC), quando ha adottato l'accordo di Parigi nel 2015.
 
Il nome completo del rapporto è Global Warming of 1.5°C, an IPCC special report on the impacts of global warming of 1.5°C above pre-industrial levels and related global greenhouse gas emission pathways, in the context of strengthening the global response to the threat of climate change, sustainable development, and efforts to eradicate poverty.
 
"Uno dei messaggi chiave che emerge con forza da questo rapporto è che stiamo già vedendo le conseguenze di 1 ° C di riscaldamento globale attraverso condizioni meteorologiche più estreme, l'innalzamento del livello del mare e la diminuzione del ghiaccio marino artico", ha detto Panmao Zhai, co-presidente del gruppo di lavoro IPCC I.

Il rapporto evidenzia una serie di impatti sui cambiamenti climatici che potrebbero essere evitati limitando il riscaldamento globale a 1,5 ° C rispetto ai 2 ° C o più. Ad esempio, entro il 2100, l'innalzamento globale del livello del mare sarebbe inferiore di 10 cm con il riscaldamento globale di 1,5 ° C rispetto ai 2 ° C. La probabilità di un Oceano Artico libero dal ghiaccio marino in estate sarebbe una volta al secolo con un riscaldamento globale di 1,5 ° C, rispetto ad almeno una volta ogni decade con 2 ° C. Le barriere coralline diminuiranno del 70-90 percento con un riscaldamento globale di 1,5 ° C, mentre praticamente tutti (> 99 percento) andrebbero persi con 2 ° C.
 
Il rapporto esamina anche i percorsi disponibili per limitare il riscaldamento a 1,5 ° C, cosa ci vorrebbe per raggiungerli e quali potrebbero essere le conseguenze. "La buona notizia è che alcuni dei tipi di azioni che sarebbero necessari per limitare il riscaldamento globale a 1,5 ° C sono già in corso in tutto il mondo, ma avrebbero bisogno di accelerare", ha dichiarato Valerie Masson-Delmotte, Co-Chair of Working Gruppo I.
 
Il rapporto rileva che limitare il riscaldamento globale a 1,5 ° C richiederebbe transizioni "rapide e di ampia portata" in terra, energia, industria, edifici, trasporti e città. Le emissioni globali nette di biossido di carbonio (CO2) causate dall'uomo dovrebbero diminuire di circa il 45% rispetto ai livelli del 2010 entro il 2030, raggiungendo lo zero netto intorno al 2050. Ciò significa che eventuali emissioni residue dovranno essere compensate rimuovendo CO2 dall'aria.
 
Come si è arrivati a questo ulrimo rapporto? L'accordo di Parigi adottato da 195 nazioni alla 21a Conferenza delle parti dell'UNFCCC nel dicembre 2015 includeva l'obiettivo di rafforzare la risposta globale alla minaccia del cambiamento climatico "mantenendo l'aumento della temperatura media globale ben al di sotto dei 2 ° C sopra i livelli preindustriali e proseguendo gli sforzi per limitare l'aumento della temperatura a 1,5 ° C rispetto ai livelli preindustriali. "
 
Nell'ambito della decisione di adottare l'accordo di Parigi, l'IPCC è stato invitato a produrre, nel 2018, una relazione speciale sul riscaldamento globale di 1,5 ° C rispetto ai livelli preindustriali e ai relativi percorsi globali di emissione di gas a effetto serra. L'IPCC ha accettato l'invito, aggiungendo che la relazione speciale esaminerebbe tali questioni nel contesto del rafforzamento della risposta globale alla minaccia del cambiamento climatico, dello sviluppo sostenibile e degli sforzi per sradicare la povertà.
 
Il riscaldamento globale di 1,5 ° C è il primo di una serie di relazioni speciali da produrre nel sesto ciclo di valutazione dell'IPCC. L'anno prossimo l'IPCC pubblicherà il Rapporto speciale sull'oceano e la criosfera in un clima che cambia, e cambiamenti climatici e terra, che esamina come i cambiamenti climatici influenzano l'uso della terra.

I Commissari Ue Moedas e Arias Cañete hanno dichiarato: "L'UE è da sempre in prima linea quando si tratta di affrontare le cause profonde dei cambiamenti climatici e di promuovere una risposta comune mondiale al problema nel quadro dell'accordo di Parigi. La Commissione riconosce il contributo prezioso di questa relazione e sta lavorando a una proposta di strategia dell'UE per la riduzione a lungo termine delle emissioni di gas a effetto serra, da presentare a novembre, che conterrà una visione globale per l'ammodernamento della nostra economia, delle nostre industrie e del settore finanziario. L'UE si sta impegnando a ridurre le emissioni di gas a effetto serra in linea con gli obiettivi relativi alla temperatura dell'accordo di Parigi e a rendere la nostra economia più moderna, innovativa, competitiva e resiliente. Continueremo a lavorare per affrontare le sfide correnti e per prepararci a quelle a venire. Tutte le parti in causa devono intensificare gli sforzi per tener fede agli impegni presi nel quadro dell'accordo di Parigi."

back to top

Sezioni

Economia

Lifestyle

Green

 

Chi siamo

Seguici