Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

Onu, un milione di specie in via di estinzione

 "L'inquinamento della plastica marina in particolare è aumentato di dieci volte dal 1980, colpendo almeno 267 specie", tra cui l'86 per cento delle tartarughe marine, il 44 per cento degli uccelli marini e il 43 per cento dei mammiferi marini. "L'inquinamento della plastica marina in particolare è aumentato di dieci volte dal 1980, colpendo almeno 267 specie", tra cui l'86 per cento delle tartarughe marine, il 44 per cento degli uccelli marini e il 43 per cento dei mammiferi marini.

Secondo lo studio delle Nazioni Unite Global Assessment, un milione di specie sarebbero in via di estinzione nel giro di qualche decennio.
E' il terribile impatto degli esseri umani sulla natura. Necessaria, secondo gli esperti di biodiversità dell'Onu, un'azione radicale.

Parlando a Parigi in occasione del lancio dello studio, Audrey Azoulay, direttore generale dell'UNESCO, ha dichiarato che i suoi risultati mettono "in guardia" il mondo.

"Dopo l'adozione di questo rapporto storico, nessuno sarà in grado di affermare di non sapere", ha detto il capo dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'educazione, la scienza e la cultura. "Non possiamo più continuare a distruggere la diversità della vita. Questa è la nostra responsabilità verso le generazioni future."

Sottolineando l'importanza universale della biodiversità - la diversità all'interno delle specie, tra le specie e degli ecosistemi - la signora Azoulay ha affermato che proteggerla "è vitale quanto combattere il cambiamento climatico".

Presentato a più di 130 delegazioni governative per la loro approvazione presso la sede dell'UNESCO, il rapporto presenta il lavoro di 400 esperti provenienti da almeno 50 paesi.

Oltre a fornire approfondimenti sullo stato della natura e degli ecosistemi, lo studio discute anche dei progressi su importanti obiettivi internazionali, come gli Obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS) e l'Accordo di Parigi sul cambiamento climatico.

Il rapporto esamina inoltre cinque principali fattori di "biodiversità" rispetto agli ultimi 50 anni, identificandoli come: cambiamenti nell'uso della terra e del mare; sfruttamento diretto di organismi; cambiamento climatico, inquinamento e invasione di specie esotiche.

Sulla fauna e sulla flora a rischio, lo studio afferma che le attività umane "minacciano più specie ora che mai", affermazione basata sul fatto che circa il 25% delle specie in gruppi di piante e animali sono vulnerabili. Ciò suggerisce che circa un milione di specie "è già in via di estinzione, molte entro pochi decenni, a meno che non venga intrapresa un'azione per ridurre l'intensità dei driver della perdita di biodiversità".
Senza tali misure ci sarà una "ulteriore accelerazione" nel tasso globale di estinzione delle specie, che è già "almeno da decine a centinaia di volte superiore, rispetto alla media degli ultimi 10 milioni di anni", afferma il rapporto.
E nonostante molti sforzi locali, anche da parte delle popolazioni indigene e delle comunità locali, entro il 2016, 559 delle 6.190 razze domestiche di mammiferi utilizzati per il cibo e l'agricoltura erano estinte - circa il 9% del totale - e almeno altre 1.000 sono minacciate.

L'inquinamento marino "è aumentato di dieci volte dal 1980" - "L'inquinamento della plastica marina in particolare è aumentato di dieci volte dal 1980, colpendo almeno 267 specie", tra cui l'86 per cento delle tartarughe marine, il 44 per cento degli uccelli marini e il 43 per cento dei mammiferi marini.

back to top

Sezioni

Economia

Lifestyle

Green

 

Chi siamo

Seguici