Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

Agricoltura a secco. Quando il maltempo è benvenuto!

Agricoltura a secco. Quando il maltempo è benvenuto!

Maltempo fonte di disagi, siprattutto per chi deve muoversi. Ma l’arrivo della pioggia è vitale per l’agricoltura dopo che il 2018 si è aperto con circa 1/3 di precipitazioni in meno (-29%) rispetto alla media storica con crolli del 50% nel centro Italia e del 45% nel Mezzogiorno anche se al Nord si è verificato un aumento del 5% per le abbondanti nevicate.

E’ quanto afferma la Coldiretti nel commentare l’arrivo dell’ondata di maltempo con precipitazioni e neve anche a quote piu’ basse, sulla base dei dati Ucea a gennaio. La mancanza di acqua – sottolinea la Coldiretti – si fa sentire soprattutto nelle campagne dove le piante da frutto in fase di rigonfiamento delle gemme o già fiorite per effetto del caldo hanno bisogno di acqua, ma in sofferenza c’è anche il frumento ed a rischio ci sono le semine ed i trapianti primaverili come il mais e gli ortaggi.
"A preoccupare con il maltempo è pero’ l’annunciato del brusco arrivo del grande freddo dopo le temperature massime a gennaio di 3,3 gradi superiori alla media storica che hanno provocato la fioritura anticipata delle piante da frutto."
Una finta primavera che ha risvegliato gli alberi con i mandorli già in fiore e le gemme di albicocchi e peschi in fase di apertura che rischiano di essere compromesse nel caso del possibile ritorno del freddo. L’andamento schizofrenico dell’inizio dell’anno conferma i cambiamenti climatici in atto che si stanno manifestando in Italia con ripetuti sfasamenti stagionali ed eventi estremi con pesanti effetti sull’agricoltura italiana che negli ultimi dieci anni – conclude la Coldiretti – ha subito danni per 14 miliardi di euro tra alluvioni e siccità.

back to top

Sezioni

Economia

Lifestyle

Green

 

Chi siamo

Seguici