Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

Alimentazione. In vigore sanzioni per etichette ingannevoli.

Alimentazione. In vigore sanzioni per etichette ingannevoli.

Entrano in vigore oggi, in base al decreto legislativo 23 del 15 dicembre 2017, le sanzioni da 500 a 40mila euro per i produttori che riportano sulle etichette alimentari informazioni false, scorrette o incompleteFederconsumatori ricorda che negli obblighi a carico dei produttori del settore rientrano il divieto di commercializzazione di prodotti non conformi alla normativa vigente, il divieto di riportare informazioni che possano trarre in inganno o indurre in errore il consumatore e la comunicazione delle informazioni relative agli alimenti non preimballati all’operatore che li riceve.

Il produttore deve inoltre garantire le indicazioni obbligatorie sugli alimenti preimballati precedentemente alla vendita al consumatore finale (ad esempio la lista degli ingredienti, la tabella nutrizionale, l’indicazione degli allergeni, la data di scadenza ecc.).

 

In questo modo si dà attuazione ad una parte mancante del Regolamento Ue 1169/2011 sull’etichettatura alimentare e si offre una garanzia in più al consumatore.

“Era ora che si iniziassero a colmare le lacune derivante dalla applicazione, al momento solo parziale, del Regolamento. L’entrata in vigore del decreto è sicuramente positiva ma non siamo ancora arrivati ad una tutela ottimale del consumatore in materia di etichettatura” – dichiara Emilio Viafora, Presidente di Federconsumatori.

Last modified on%PM, %10 %542 %2018 %12:%Mag
back to top

Sezioni

Economia

Lifestyle

Green

 

Chi siamo

Seguici