Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

Ristrutturazioni edilizie, si detrae fino al 50%

E' diventata oramai praticamente strutturale l’agevolazione fiscale sugli interventi di ristrutturazione edilizia, disciplinata dall’art. 16-bis del Dpr 917/86. Consiste in una detrazione dall’Irpef del 36% delle spese sostenute, fino a un ammontare complessivo delle stesse non superiore a 48.000 euro per unità immobiliare.
Tuttavia, per le spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2018 è possibile usufruire di una detrazione più elevata (50%) e il limite massimo di spesa è di 96.000 euro.

Read more...

Imprese energivore, dal 1° gennaio attive nuove agevolazioni

Il Ministro Calenda ha firmato il 21 Dicembre 2017, il decreto che dal 1° gennaio 2018 consentirà di ridurre il costo dell’elettricità per le imprese manifatturiere energivore.  Il provvedimento consente di ridurre il differenziale di prezzo dell’energia elettrica pagato dalle imprese più esposte alla concorrenza estera, introducendo anche in Italia le nuove misure rese possibili dall’Europa: si potrà così ottenere un progressivo allineamento dei costi per la fornitura di energia elettrica delle imprese italiane ai livelli degli altri competitors europei.

Read more...

Investimenti ambientali, circolare Mise

La direzione per gli Incentivi alle imprese del ministero dello Sviluppo economico ha diffuso il 26 luglio la circolare n. 71852 “Modalità di presentazione della comunicazione relativa agli investimenti ambientali oggetto di agevolazioni ai sensi dell'art. 6, comma 13, della legge 388/2000”. La circolare, disponibile in allegato, disciplina le modalità per l'invio da parte delle imprese interessate, della comunicazione ai sensi dell'articolo 6, comma 17, della legge 26 dicembre 2000, n. 388 ed è in corso di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.

Read more...

Servizio idrico, le agevolazioni tariffarie. Verso il bonus acqua?

Servizio idrico, le agevolazioni tariffarie. Verso il bonus acqua?Famiglie economicamente disagiate, il problema si fa sempre più pressante, tanto che il pagamento delle bollette è un ostacolo per molti. Federconsumatori e Utilitalia hanno promosso una ricerca - Primo Rapporto sulle agevolazioni tariffarie nel Servizio Idrico Integrato, presentata ieri presso l’Auditorium del GSE a Roma – per capire quali siano le dimensioni del fenomeno e come agire (consumatori e gestori insieme) per supportare l’AEEGSI (Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico) in un percorso che porti al BONUS ACQUA, una forma di supporto per le famiglie meno abbienti già sperimentato con successo per l’Energia.

IL RAPPORTO - Il Rapporto è stato elaborato con l’intenzione di descrivere un quadro della situazione nel settore idrico che intercetti le pratiche oggi in uso presso i gestori e le tipologie di agevolazioni concesse, anche in considerazione degli dati statistici nazionali che indicano un aumento della soglia di povertà quale effetto della crisi economica degli ultimi anni.
In evidenza le modalità di accesso alla “tariffa sociale” sul territorio nazionale (definita dagli ex ATO, dai gestori, o dai Comuni).
Prendendo in considerazione i dati principali gestori che erogano il servizio idrico in tutti capoluoghi di provincia è stata in sostanza esaminata la situazione per un campione di 44 milioni di abitanti (pari al 71% della popolazione).
Dall’indagine è emerso che il 76,3% degli utenti può accedere ad una agevolazione tariffaria se si trova in difficoltà. Rapportando la percentuale all’intera popolazione, si evince che più di 46 milioni di abitanti potrebbero - in caso di bisogno - ricevere aiuto in questo senso.
La diffusione delle agevolazioni risulta più alta al Centro Italia, dove il 94% della popolazione è potenzialmente coperto da agevolazioni, mentre la percentuale scende sensibilmente al Sud (83%) e al Nord (63%).
In generale, le aziende di grandi dimensioni che gestiscono il servizio idrico prevedono agevolazioni con maggiore frequenza (80%), mentre solo il 36% delle aziende più piccole è in grado di garantirle ai propri utenti.
LE AGEVOLAZIONI - Il panorama delle agevolazioni è molto diversificato: ci sono agevolazioni in misura fissa per utenti a basso reddito (legate all’ISEE o al reddito), per famiglie numerose, per famiglie con portatori di handicap e per crisi economica (cassa integrazione, mobilità, disoccupazione, cessazione di attività o licenziamento) nonché regimi che prevedono l’erogazione di un quantitativo fisso di acqua a cui si applica la tariffa agevolata o agevolazioni che prevedono lo sconto della quota fissa.
Ci sono anche agevolazioni in misura “variabile”, che possono consistere in una percentuale di sconto sul totale della spesa o sulle singole componenti tariffarie oppure nell’applicazione di una tariffa al metro cubo ad hoc per le utenze disagiate.
Il criterio di assegnazione delle agevolazioni maggiormente utilizzato (più del 64%della popolazione) è il livello reddituale. In particolare le agevolazioni riguardano nella maggior parte dei casi le famiglie con un ISEE il cui valore è compreso nell’intervallo 7.000€ - 13.000€, che possono beneficiare dei bonus indipendentemente dal numero di componenti del nucleo famigliare stesso.
I risultati dell’indagine e hanno offerto, nel dibattito che ne è seguito, lo spunto per sollecitare il Governo, il Parlamento e l’AEEGSI affinché si arrivi al più presto alla costituzione di un “bonus idrico nazionale” valido per tutta la popolazione, utilizzando la positiva esperienza del bonus energia-gas, ma cogliendo le peculiarità del servizio idrico.

Read more...
Subscribe to this RSS feed

Sezioni

Economia

Lifestyle

Green

 

Chi siamo

Seguici