Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

#FORUMAutoMotive: per il viceministro Pichetto riconversione e lavoro le vere sfide

#FORUMAutoMotive: per il viceministro Pichetto riconversione e lavoro le vere sfide

Durante l'evento #FORUMAutoMotive che si è svolto all'Hotel Melià di Milano (e on line) il 25 e 26 ottobre, il giornalista e promotore dell'iniziativa Pierluigi Bonora ha intervistato via web il Viceministro allo Sviluppo Economico, Gilberto Pichetto, che ha risposto senza pregiudizi alle perplessità della filiera della mobilità.

L’automotive avrà un ruolo importante perché è strategico per il Paese e servirà un fondo straordinario. Con qualche dubbio sui tempi dettati da Fit for 55.

L'intervista a Pichetto era stata preceduta dall'intervento del ministro della Transizione Ecologica, Roberto Cingolani, alla prima parte di #FORUMAutoMotive.

Una prima rassicurazione Gilberto Pichetto l’ha fornita in materia di legge di bilancio, che “lascerà spazio all’automotive, perché è un settore strategico, con una quota importante di lavoratori interessati. Dobbiamo assolutamente accompagnare il cambiamento. Abbiamo previsto un investimento per mantenere gli incentivi con uno stanziamento di un miliardo, in linea con quanto fatto nel 2021. A fianco degli incentivi ordinari è indispensabile un fondo di transizione, accompagnato da un piano decennale per la trasformazione del sistema”.

L’interesse per il comparto è confermato dalla definizione di più di un tavolo; al momento sono tre, convocati rigorosamente in funzione delle necessità, non con cadenze stabilite. “Oltre al tavolo per gli incentivi, c’è quello per il mercato, e un terzo tavolo da condividere, che riguarderà la distribuzione. Non riguarda solo il mio dicastero, ma i tre direttamente interessati, che devono collaborare. E la volontà per farlo c’è, perché tutti vogliono contribuire a risolvere il problema”. Non è mancata una precisazione sulla scarsa durata degli aiuti: “Il caos degli ultimi tempi è stato causate da stime effettuate sugli anni precedenti falsati dalla pandemia, che hanno determinato mancate coperture. Non abbiamo dimenticato il bonus ricambio dedicato all’acquisto di auto usate, nato dalla necessità di svecchiare il parco, che in prospettiva di cambiamento deve passare il più rapidamente da Euro 0 e 1 a Euro 5 e 6”.

È apparso interessante il punto di vista del Viceministro sul programma Fit for 55, firmato il 14 luglio scorso, che fissa proposte legislative per il raggiungimento del green deal. “Il termine fissato è troppo stretto, rischia di portare un cambiamento violento che potrebbe causare danni sociali pesanti. Bisogna stabilire un calendario tenendo conto che l’Europa rappresenta solo l’8 per cento delle emissioni mondiali, il resto arriva da altre regioni, che peraltro stanno crescendo.

Il cambiamento di pelle in tempi stretti richiede un accompagnamento, tutte le “espulsioni” devono essere compensate con una riconversione produttiva, questa è la vera sfida. Per farlo è necessario un fondo per la transizione dedicato, che non può essere costituito dagli strumenti ordinari che abbiamo a disposizione. Dobbiamo, inoltre, tenere presente che non è detto che nascano altre forme di alimentazione nei prossimi 14 anni”.

back to top

Sezioni

Economia

Lifestyle

Green

 

Chi siamo

Seguici