Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

Comuni ricicloni, in Sardegna la purezza dell’organico raggiunge il 98,5%

Comuni ricicloni, in Sardegna la purezza dell’organico raggiunge il 98,5%

In occasione di Comuni Ricicloni di Legambiente, il Consorzio Italiano Compostatori (CIC) ha consegnato il premio speciale a due realtà che si sono contraddistinte per la qualità della raccolta differenziata dell’organico e per la promozione del compost di qualità in campo agricolo: il Consorzio Industriale Provinciale (CIP) in Sardegna, che ha registrato una purezza merceologica pari al 98,5%, ed Enomondo in Emilia Romagna.

 

Il Consorzio Industriale Provinciale (CIP) di Oristano - Il suo ammendante compostato ha ottenuto il marchio Compost di Qualità CIC già nel 2015, ha ricevuto il premio speciale dal CIC per essersi contraddistinto nel 2017 per la qualità della raccolta differenziata del rifiuto organico, con il 98,5% di purezza merceologica, percentuale più alta della media italiana (95%). Un esempio virtuoso che valorizza l’accordo stipulato tra CIC e Regione Autonoma della Sardegna (RAS) per promuovere a livello regionale la raccolta differenziata, il trattamento dell’organico e l’utilizzo degli ammendanti compostati. ”La Sardegna si attesta tra le regioni con i valori più alti per quanto riguarda la quantità raccolta di frazione organica, con 129,6 kg per abitante l’anno”, ricorda Alessandro Canovai, Presidente del CIC, “ben oltre la media nazionali pari a 107 kg per abitante l’anno”.

Enomondo - E' stata premiata dal CIC per il costante impegno nella promozione dell’uso del compost, testimoniato da recenti sperimentazioni in campo agricolo che attestano l’efficacia del compost per incrementare la fertilità dei suoli. Nata dall'esperienza del Gruppo Caviro, cooperativa agricola con la missione di valorizzare il settore vitivinicolo emiliano romagnolo, Enomondo è la società incaricata di gestire l'innovativo impianto di produzione compost della zona industriale di Faenza: l'ammendante compostato misto di Enomondo ha ottenuto il marchio Compost di Qualità CIC già nel lontano 2004, affermandosi come una delle prime 5 aziende a potersi fregiare del riconoscimento; nel 2015 Enomondo ha ottenuto il Marchio CIC anche per l'ammendante compostato verde.

 

Massimo Centemero, Direttore del CIC - “Nel 2016 in Italia sono state prodotte quasi 2 milioni di tonnellate di compost a partire dai rifiuti organici trattati negli impianti di compostaggio e digestione anaerobica. Questi riconoscimenti sottolineano come le aziende, insieme ai cittadini, stiano lavorando per migliorare la filiera del rifiuto organico. Il recupero della frazione organica è sempre più importante all’interno dell’economia circolare: i rifiuti umidi possono essere trasformati in prezioso fertilizzante, il compost, utilizzato in agricoltura e nel florovivaismo. Diffondere l’utilizzo del compost significa promuovere uno strumento efficace contro erosione, impermeabilizzazione, perdita di biodiversità e desertificazione. Il compost infatti aumenta la porosità, reintegra la sostanza organica e i principali elementi nutritivi, riavvia i cicli biologici favorendo la presenza di microrganismi, veri motori della “bioeconomia circolare”.

Chi è il CIC - Il Consorzio Italiano Compostatori è un’associazione senza fini di lucro che rappresenta più di 130 aziende tra produttori e gestori di impianti di compostaggio e digestione anaerobica, associazioni di categoria, aziende che si occupano di rifiuti organici, costruttori di macchine ed attrezzature, laboratori, enti pubblici e di ricerca. Il CIC promuove e persegue la politica di riduzione dei rifiuti, l’attuazione della raccolta differenziata per la separazione, lavorazione e riciclaggio e valorizzazione delle biomasse ed in genere delle frazioni organiche compostabili. Promuove le iniziative per la valorizzazione e la corretta destinazione dei prodotti ottenuti dal compostaggio e dalla digestione anaerobica svolgendo anche attività di ricerca, studio e divulgazione. Sostiene la produzione di fertilizzanti organici, tutelando e controllando le corrette metodologie e procedure in piena aderenza ai principi dell’economia circolare.

Last modified on%AM, %05 %487 %2018 %10:%Lug
back to top

Sezioni

Economia

Lifestyle

Green

 

Chi siamo

Seguici