Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

Plastica riciclata e impegni volontari, 10 milioni di tonnellate entro il 2025

Plastica riciclata e impegni volontari, 10 milioni di tonnellate entro il 2025

A seguito di una campagna dell'UE per promuovere l'assunzione di impegni nel quadro della strategia europea sulla plastica, la Commissione europea ha condotto una valutazione preliminare relativa alle posizini dell'industria dell'UE. Se gli impegni saranno mantenuti, entro il 2025 la fornitura di plastica riciclata potrebbe raggiungere le 10 milioni di tonnellate minimo.

Dal lato della domanda, tuttavia, a oggi si prevede una richiesta di sole 5 milioni di tonnellate, a dimostrazione del fatto che sarà necessario fare di più per raggiungere l'obiettivo del buon funzionamento del mercato UE della plastica riciclata.

Il Primo Vicepresidente Frans Timmermans, responsabile per lo sviluppo sostenibile, ha dichiarato: "Per passare a un'economia circolare della plastica, è essenziale aumentare la quantità di plastica riciclata utilizzata per la realizzazione di nuovi prodotti. Siamo molto grati per i numerosi contributi ricevuti da diversi rappresentanti dell'industria, ma è necessario fare di più".

Il Vicepresidente Jyrki Katainen, responsabile per l'Occupazione, la crescita, gli investimenti e la competitività, ha dichiarato: "Il sistema di impegni dimostra chiaramente che una grossa parte dell'industria europea è determinata a usare la plastica in modo più sostenibile. Per trarre i massimi benefici, dobbiamo sviluppare un mercato della plastica riciclata efficiente."

I principali impegni sono arrivati dai gestori del riciclaggio della plastica, dalle associazioni industriali dei produttori di polistirene espanso e dai proprietari di marchi, soprattutto nel settore degli imballaggi in PET. Ecco l'elenco dei partecipanti: Agoria, Alfred Kärcher SE & Co. KG, Aliplast, APE Europe, Barilla, Borealis, Coca-Cola, Confederation of Danish Industries (Dansk Industri), CONTENUR, COOP Italia, Danish Brewers Association, Danone, Eceplast, EcoSynergy System, EDANA, Electrolux, European Recovered Fuel Organisation (ERFO), European Manufacturers of EPS (EUMEPS), European Federation of Bottled Waters (EFBW), Fischer Gmbh, Henkel, Hera Spa, HP, Iberostar Group, IKEA, Indorama, Kaneka Belgium NV, Kaufland, KENOGARD S.A., Klöckner Pentaplast, Lassila &Tikanoja plc., Lexmark, LIDL, LIPOR (Intermunicipal Waste Management, Porto), MACPAC SA, Mayansi Circular Plastics SL, Neste Corporation, Nestlé, Next Generation Recyclingmaschinen GmbH (NGR), P&G, PepsiCo, Philips, Plastics Recyclers Europe, Plastix AS, POLYOLEFIN Circular Economy Platform (PCEP), REPSOL, SP Group A/S, Styrenics Circular Solutions (SCS), The Swedish Food Retailers' Federation (Svensk Dagligvaruhande - SvDH), Technology industries of Finland, Tetra Pak, Thrace Plastics Co SA (Thrace Group), UNESDA Soft Drinks Europe, Unilever, VH Plastics, Vinylplus, Vosläuer Mineralwasser GmbH, Werner und Mertz, WHIRLPOOL, ZEME Eco fuels & Alloys Limited

Ora la Commissione esaminerà gli impegni ricevuti più dettagliatamente e pubblicherà i risultati nel primo trimestre del 2019. La Commissione, si legge in un comunicato,  continuerà a incoraggiare le iniziative che contribuiscono allo sviluppo del mercato della plastica riciclata nell'UE e coopererà con le parti interessate per agevolare una collaborazione più stretta lungo tutta la catena di approvvigionamento per raggiungere questo obiettivo. La prima riunione delle parti interessate sarà organizzata nei primi mesi del 2019.

Last modified on%PM, %21 %877 %2018 %20:%Nov
back to top

Sezioni

Economia

Lifestyle

Green

 

Chi siamo

Seguici