Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

Mangiare

Pasta italiana a rischio?

pasta

L'allarme è del CNR. Il frumento duro rappresenta una delle fonti primarie di calorie e proteine per gran parte dell’umanità ma i cambiamenti climatici nella regione mediterranea, area di elezione della specie, pongono problemi per la sua coltivazione, spingendola sempre più a Nord. La produzione della pasta, uno dei componenti fondamentali della dieta italiana, inserita dall’Unesco nel patrimonio culturale immateriale dell’umanità, rischierebbe così di dipendere sempre più dalle importazioni, con gravi ricadute anche per la nostra economia.

Read more...

L’IperOrto d’Italia. Chi coltiva non spreca, non inquina, mangia meglio e vive più a lungo.

La scatola magica per darsi al verde

iXorto è l’IperOrto d’Italia che attraverso il web vuole mettere assieme tutti coloro che hanno voglia di natura e vivono in città.
A partire dalla campagna di Legambiente “Orti in Festa. Il verde va in città” la rete di IperOrto inizia a mappare sul sito www.ixorto.it tutti i punti verdi in cui la natura si fa spazio in città: davanzali, balconi, terrazzi, orti comunali, aiuole, orti sui tetti, community garden, esercizi commerciali, librerie, garden center, persone, associazioni ed enti impegnati sul verde in città.
Obiettivo fare rete per creare un luogo di confronto attorno ai temi e alle motivazioni legati al verde urbano e all’orticoltura in città: dal sociale all’educazione alimentare, dal recupero del territorio all’autoproduzione, all’abbattimento della CO2.
Nell’ambito dell’iniziativa, in vendita on line una scatola di cartone un po’ speciale,pensata per "darsi al verde", contenente il libro più il kit della campagna “Orti in Festa. Il Verde va in città” di Legambiente. Un vaso. Alcuni attrezzi. Semi, rete e concime.

Leggi anche: 20 e 21 aprile, Orti in festa

Read more...

Ritorno … ai fornelli

Sono 21 milioni gli italiani che dichiarano di preparare alimenti in casa

E’ in aumento il tempo trascorso ai fornelli dagli italiani – il picco nei giorni festivi, dove si va oltre l’ora (69 minuti) e quindi anche quello passato a procurarsi gli ingredienti, in particolar modo rivolgendosi a negozi specializzati e mercatini. Sono addirittura 21 milioni gli italiani che dichiarano di preparare alimenti in casa come yogurt, pane, gelato o conserve e di questi oltre 11,2 milioni lo fanno regolarmente.
I dati emergono dallo studio della Coldiretti "Gli italiani a tavola nel tempo libero con la crisi". Nel 2012 - sostiene l’associazione - si è verificato un aumento record in quantità degli acquisti di ingredienti base per la preparazione degli alimenti come farina (+8%), uova (+6%) e burro (+4%) in netta controtendenza rispetto al calo complessivo dell’1,5% degli alimentari registrato nella grande distribuzione.

Read more...

Dieta mediterranea, un esempio di sana e corretta alimentazione

La dieta mediterraneaLa dieta mediterranea è celebre per le sue virtù salutari, perché comprende molta frutta fresca, verdura e cereali, pesce, poca carne, e soprattutto l’olio extravergine di oliva, noto per le sue qualità protettive nei confronti di vari tipi di tumore, in particolare dell’apparato digerente e del carcinoma della mammella.
Lo ricorda, in occasione della XII edizione della Settimana Nazionale per la Prevenzione Oncologica, la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori (16 – 24 marzo 2013), che ha eletto la bottiglia d’olio extravergine d’oliva testimonial storico dell’evento.

Read more...

Indicazioni geografiche UE, valgono 54 miliardi di euro

Dacian Ciolos - Credit © European Union, 2013

 

La Commissione europea ha pubblicato uno studio sul valore del sistema di tutela delle denominazioni di prodotti agricoli e alimentari ("indicazioni geografiche" o "IG").
"I nostri IG – ha spiegato Dacian Cioloş, Commissario per l’Agricoltura e lo sviluppo rurale - valgono 54,3 miliardi di euro in tutto il mondo e rappresentano il 15% delle esportazioni totali di alimenti e bevande. Ciò dimostra la loro importanza per l'economia dell'UE e il valore del nostro impegno per promuovere e difendere questo sistema. Gli IG sono fondamentali per generare valore aggiunto – e occupazione – a livello locale, rendendo più redditizia l’attività agricola. La nuova regolamentazione sulla qualità, entrata in vigore di recente, consoliderà ulteriormente questa situazione."

Read more...

Made in Italy, nuovi IGP e DOP

Mela rossa di Cuneo IGP

Il "Salame felino" e la "Mela Rossa di Cuneo" sono i due nuovi IGP (indicazione geografica protetta) italiani riconosciuti dalla Commissione Europea il 6 marzo. Con "il Ficodindia di San Cono", che il 7 marzo ha ottenuto per l'Italia una nuova Denominazione d'origine protetta (DOP), il nostro paese arriva a contare 249 prodotti DOP e IGP, a conferma della leadership consolidata che l'Italia detiene in Europa.
Secondo un recente rapporto, le indicazioni geografiche dell’UE valgono circa 54 miliardi di euro a livello mondiale. In Italia nel 2010 il valore delle vendite dei prodotti IG ammontava a quasi 12 miliardi di euro, ripartiti quasi equamente tra prodotti e alimenti agricoli (che rappresentano il 51% del volume di vendita) e vini (il 48%). Le bevande spiritose rappresentano invece solo l’1% delle vendite.

Read more...

Mangiare sano – Frutta sbucciata o no?

fruttaSe non è possibile lavarla bene, è consigliabile togliere sempre un sottile strato di buccia dove potrebbero trovarsi i residui tossici dei pesticidi usati durante la coltura della frutta.
La buccia contiene tanta fibra, ma non più di quella che si assume mangiando la polpa del frutto, assai più gustoso e ricco di nutrienti e vitamine.
Quindi in realtà, anche togliendo la buccia, non rinunciamo a nessun beneficio nutrizionale particolare, se non ovviamente ad un po’ di fibra (ricorda, è importante mangiare ogni giorno almeno 5 porzioni di frutta e verdura).

Read more...

Grow the planet, il social per coltivare l’orto

ortoUna start up 100% digitale tutta italiana al servizio della cultura ambientale e degli stili di vita sostenibili dedicato all'autoproduzione di ortaggi.
Primo obiettivo: sensibilizzare più persone possibile, sia in ambito urbano che non, mettendo a disposizione della comunità un social network con il quale interagire con gli altri utenti e facili ma avanzati strumenti di apprendimento, gestione orto, scambio e cucina. L'utente di Growtheplanet.com, una volta registrato e geolocalizzato, riceve dalla comunità inclusa in una microarea del raggio di 30 km tutta una serie di informazioni relativa alla sua zona che comprende consigli, alert, tutorial, avvisi e quant'altro possa risultare utile alla coltivazione dell'orto.

Read more...
Subscribe to this RSS feed

Sezioni

Economia

Lifestyle

Green

 

Chi siamo

Seguici