Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

Addio ai pidocchi con l’aria … calda. In una sola seduta e senza agenti chimici

Addio ai pidocchi con l’aria … calda. In una sola seduta e senza agenti chimici

La bella stagione è arrivata e, complici le temperature gradevoli e le giornate più lunghe, tanti bambini possono finalmente giocare all’aria aperta. Come ben sanno mamme e papà, tuttavia, il caldo porta con sé anche un piccolo nemico dei più piccoli (e non solo): i pidocchi. E se fino a qualche anno fa il trattamento consisteva in un deciso taglio delle chiome e nell’utilizzo di shampoo a base di agenti chimici, costosi e aggressivi per la cute, oggi finalmente si volta pagina.


Una nuova La soluzione alla pediculosi, infatti, si chiama AirAllé® ed è una tecnologia brevettata dall’Università dello Utah che, grazie allo sprigionamento di aria calda, permette di disidratare i pidocchi e lendini a tutti gli stadi, provocandone l’immediata scomparsa. In una sola seduta.

La pediculosi è molto comune: ogni anno, infatti, ne vengono colpite più di 2 milioni di persone in Italia. Bambini, in particolare tra i 3 e gli 11 anni, ma anche quanti gravitano intorno al mondo dell’infanzia (genitori, nonni, insegnanti, baby sitter) e chi viaggia spesso, per motivi di lavoro o per svago. Nonostante si tratti di un fenomeno capillare, fino alla comparsa di AirAllé® la risposta più efficace contro i pidocchi proveniva dai laboratori, con l’utilizzo di prodotti chimici che, oltre a essere potenzialmente nocivi per l’ambiente, causavano in molti casi allergie e reazioni cutanee. E, soprattutto, un lavoro lungo e faticoso per il genitore, alle prese con ripetute sedute che non garantivano la certezza del risultato.

La “rivoluzione” di AirAllé® è disponibile oggi anche nel nostro Paese presso i Centri per i Pidocchi d’Italia, una catena in franchising che trae ispirazione dagli Stati Uniti e conta già tre centri attivi, uno a Milano (nel quale sono già stati effettuati oltre duemila trattamenti in due anni) e due a Roma: l’obiettivo è aprire almeno 30 nuove sedi entro un paio di anni su tutto il territorio nazionale. Una sfida che sembra importante già sul nascere, visti i numeri di adesioni alla nuova tecnologia e al successo degli stessi trattamenti scelti da genitori sfiniti dal lavoro certosino della rimozione dei pidocchi. Scegliere i Centri per i Pidocchi d’Italia, spiega l’azienda, significa mettere in pratica ciò che sta alla base di questa rivoluzione medica: il rimedio alla pediculosi non è più il prodotto, ma la tecnologia, non è più cosa combattiamo ma come lo combattiamo.

“Grazie alla tecnologia AirAllé® trattiamo le infestazioni da pidocchi presso i nostri centri in una sola volta – dichiara Mercedes Domingo, responsabile dello sviluppo in Italia del progetto. Le mamme possono finalmente stare tranquille e smettere di passare ore e ore sui capelli dei propri figli: il nostro trattamento è il più veloce, efficace e non utilizza prodotti chimici e tossici!”.

Come funziona? Messo a punto sulla base di una ricerca condotta dal parassitologo statunitense Dale Clayton, è un dispositivo medico brevettato approvato dalla Food and Drug Administration e registrato presso il Ministero della Salute italiano, che funziona erogando aria calda sui capelli asciutti e districati con l’ausilio di uno speciale applicatore monouso. Una combinazione di temperatura, flusso d’aria, tempo e tecnica di utilizzo che colpisce pidocchi e uova, consentendone così una rapida eliminazione (una seduta tipo ha una durata media di circa un’ora e garantisce la completa rimozione di lendini e parassiti).

Non più sostanze chimiche o shampoo che rovinano i capelli, ma un trattamento rapido, efficace e rispettoso della persona e dell’ambiente: grazie alla tecnologia AirAllé grandi e bambini possono finalmente dire addio a una delle loro più grandi paure!

Last modified on%AM, %04 %456 %2018 %09:%Giu
back to top

Sezioni

Economia

Lifestyle

Green

 

Chi siamo

Seguici