Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

Salute e benessere

Coldiretti punta il dito: in Italia invasione cibi pericolosi

Dal +141 per cento di arachidi cinesi al 60 per cento di peperoni turchi è’ invasione di cibi pericolosi, con le importazioni dall’estero di prodotti stranieri pericolosi che nel 2015 hanno visto un vero e proprio boom per praticamente tutte le categorie finite sotto accusa per l’eccessiva presenza di residui chimici, micotossine, metalli pesanti, contaminanti microbiologici, diossine o additivi e coloranti.

Read more...

Basilico e prezzemolo hanno proprietà antibatteriche

Una ricerca rivela per la prima volta le proprietà antibatteriche degli oli essenziali di prezzemolo e di basilico. Lo studio condotto dalle Università di Pisa e di Pavia e da due istituzioni Tunisine, la University of Monastir e il Water Research and Technologies Center, è stato pubblicato sulla rivista Microbial Pathogenesis.

Read more...

Troppo sale nel pane, una ricerca per ridurlo

C’è troppo sale nella nostra dieta: tra quello naturalmente contenuto negli alimenti (10%), quello che aggiungiamo noi con la saliera (36%) e quello presente nei prodotti trasformati (54%), siamo assai più esposti al rischio di malattie cardiovascolari e renali. Ridurre il sale, dunque, è una importante obiettivo di salute pubblica e il pane è stato individuato dal Ministero della Salute come un alimento target in tal senso. E’ possibile, però, fare un pane ugualmente buono, con meno sale?

Read more...

Salute. Celiachia, in Italia affette oltre 170mila persone

Attualmente in Italia le persone affette da celiachia sono 172.197 e si stima che almeno altre 400mila siano in attesa di diagnosi. Vista l’importanza dell’argomento e il crescente numero di persone direttamente interessate dalla problematica, l’O.N.F. – Osservatorio Nazionale Federconsumatori ha realizzato il primo studio sulla celiachia, prendendo in considerazione i diversi contributi economici stanziati dalle regioni (quasi sempre sotto forma di ‘buoni’) nonché i costi dei prodotti senza glutine e i costi dei pasti fuori casa.

Read more...

Cosmetici naturali, cresce la domanda

La cosmesi naturale, nel 2015, ha conosciuto un incremento di fatturato dell’8%, raggiungendo un giro d’affari che il Gruppo Cosmetici Erboristeria di Cosmetica Italia ha stimato in 460 milioni di euro; una crescita testimoniata anche dal canale della vendita diretta a domicilio. In occasione di Sana, il salone internazionale del biologico e del naturale in programma a Bologna dal 9 al 12 settembre, Univendita, la maggiore associazione di aziende della vendita diretta a domicilio in Italia, conferma il consolidarsi del trend di crescita del “green” nel beauty e nella cura del corpo.

Read more...

Fumo, i consumatori di bionde sono il 22%

Non cala in Italia il numero di fumatori. E’ rimasta quasi invariata, infatti, la percentuale dei consumatori di bionde rispetto al 2015: sono 11,5 milioni, circa il 22% della popolazione, rispetto ai 10,9 milioni (il 20,8%) del 2015. Riprende invece il consumo delle e-cig che torna a toccare punte del 4% di utilizzatori nella popolazione. I dati 2016 illustrati all’ISS durante il Convegno “Tabagismo e Servizio Sanitario Nazionale”, rilevano valori percentuali simili a quelli registrati nel 2013: il 3,9% degli italiani utilizza abitualmente o occasionalmente l’e-cig (4,2% nel 2013) contro l’1,1% dello scorso anno: “Sebbene non ci siano ancora riscontri scientifici sufficienti sulla sicurezza e l’efficacia di questo strumento nella disassuefazione alle abitudini al fumo - spiega il Prof. Walter Ricciardi, Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità - la ripresa del consumo di questi articoli sottolinea la necessità di un attento e ulteriore monitoraggio del fenomeno e di rigorosi studi clinici sul loro utilizzo”. 

Read more...

Olio di palma dannoso, le reazioni

Olio di palma dannoso, le reazioniLa diffusione dei risultati dell'Efsa sull'indagine relativa alla possibile pericolosità dell'olio di palma ha suscitato numerose reazioni.

Federconsumatori sottolinea che i prodotti alimentari coinvolti sono moltissimi e sono distribuiti in tutto il mondo interessando ogni fascia d’età, ma in maniera particolare bambini ed adolescenti. Il palma, infatti, è notoriamente utilizzato nella produzione di snack, merendine, prodotti da forno, dolci e torte.

Read more...

Salute, attenzione ai semi di albicocca crudi

Salute, attenzione ai semi di albicocca crudiConsumare più di tre semi piccoli di albicocca crudi, oppure meno di mezzo seme grande per volta può far superare i limiti di sicurezza. I bambini piccoli che consumino anche solo un piccolo seme di albicocca rischiano di superare il limite di sicurezza.

L'avvertimento è stato diffuso dall'Efsa, l'ente europeo per la sicurezza alimentre.
Nei semi di albicocca è presente un composto di origine naturale, chiamato “amigdalina”, che si trasforma in cianuro una volta ingerito.

Read more...

Raffinazione oli vegetali, Efsa: potenziali problemi di salute, soprattutto per i più piccoli

Raffinazione oli vegetali, Efsa: potenziali problemi di salute, soprattutto per i più piccoliI contaminanti da processo a base di glicerolo presenti nell’olio di palma, ma anche in altri oli vegetali, nelle margarine e in alcuni prodotti alimentari trasformati, danno adito a potenziali problemi di salute per il consumatore medio di tali alimenti di tutte le fasce d’età giovanile e per i forti consumatori di tutte le fasce d’età.

L'EFSA - European Food Safety Authority - ha valutato i rischi per la salute pubblica derivanti dalle sostanze: glicidil esteri degli acidi grassi (GE), 3-monocloropropandiolo (3-MCPD), e 2-monocloropropandiolo (2-MCPD) e loro esteri degli acidi grassi.

Read more...

Obesità e appetito: più chiare le cause

Obesità e appetito: più chiare le causeSvelato il paradosso del cervello degli obesi. Esso risiede nei circuiti ancestrali che si attivano per garantire la sopravvivenza degli animali producendo il peptide orexina-A che promuove la veglia e il comportamento di allerta durante la caccia al cibo. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista PNAS.

Quindi l‘idea che l’appetito vien mangiando e chi dorme non piglia peso non è più solo un luogo comune.

Read more...
Subscribe to this RSS feed

Sezioni

Economia

Lifestyle

Green

 

Chi siamo

Seguici