Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

Economia

Rifiuti nucleari. Deferite alla Corte di giustizia Austria, Croazia e Italia

La Commissione europea ha deciso di deferire l'Austria, la Croazia e l'Italia alla Corte di giustizia dell'UE per la mancata trasmissione dei programmi nazionali definitivi di gestione del combustibile esaurito e dei rifiuti radioattivi, a norma della direttiva sulla gestione del combustibile nucleare esaurito e dei rifiuti radioattivi (direttiva 2011/70/Euratom del Consiglio).

Read more...

Xylella, la Commissione deferisce l'Italia alla Corte di giustizia

Come già anticipato, è arrivata la conferma. Il 17 maggio la Commissione europea ha deciso di deferire l'Italia alla Corte di giustizia dell'Unione europea perché le autorità italiane non stanno adottando le misure necessarie all'eradicazione dell'organismo nocivo da quarantena Xylella fastidiosa in Puglia e, di conseguenza, non hanno arrestato la sua diffusione.

La prima notifica - Secondo la Commissione in seguito alla prima notifica di focolaio di Xylella fastidiosa in Puglia nell'ottobre 2013, le autorità italiane non si sono pienamente conformate alla normativa dell'UE sugli organismi da quarantena nocivi ai vegetali o ai prodotti vegetali e non ne hanno impedito l'ulteriore diffusione nella regione [decisione di esecuzione (UE) 2015/789 della Commissione e direttiva 2000/29/CE del Consiglio].

 

La rimozione delle piante infette - Le norme comprendono, tra le altre disposizioni, la rimozione delle piante infette in alcune parti delle zone delimitate immediatamente dopo che la presenza di Xylella fastidiosa è stata confermata per la prima volta, nonché il monitoraggio e il campionamento delle piante nelle pertinenti parti della zona delimitata. Il calendario trasmesso dall'Italia non è stato ritenuto efficace per garantire l'immediata rimozione degli alberi infetti, come prescritto dalla normativa dell'UE. La mancanza di misure adeguate aumenta il rischio di un'ulteriore diffusione dell'organismo al di fuori dell'attuale zona delimitata.

La Xylella fastidiosa - E' uno dei fitobatteri più pericolosi al mondo e provoca una serie di malattie che conducono inevitabilmente alla morte delle piante infette, con enormi ripercussioni economiche sull'agricoltura. Gli Stati membri devono adottare tutte le misure necessarie per eradicare la Xylella fastidiosa e, se ciò non fosse possibile, per impedirne almeno l'ulteriore diffusione nel resto d'Italia e in altre parti del territorio dell'UE.

Le insistenze della Commissione - La Commissione ha ripetutamente esortato l'Italia ad assolvere i propri obblighi. Nel dicembre 2015 è stata inviata una lettera di costituzione in mora e nel luglio 2016 è stata inviata una lettera complementare di costituzione in mora, seguita da un parere motivato nel luglio 2017.
"La Commissione continua ad utilizzare tutti i mezzi necessari per proseguire il dialogo in corso con le autorità italiane al fine di impedire l'ulteriore diffusione della Xylella fastidiosa in Puglia."

Read more...

Energia. Rinnovabili, i risultati del 1° trimestre 2018

Nel primo trimestre del 2018 le nuove installazioni di fotovoltaico, eolico e idroelettrico raggiungono complessivamente circa 138 MW (-5% rispetto al 2017). Si conferma il trend mensile del fotovoltaico che con i 28,9 MW connessi a marzo 2018 raggiunge quota 89 MW complessivi (+6% rispetto allo stesso periodo del 2017). Si registra un incremento anche nel numero di unità di produzione connesse (+10%). Gli impianti di tipo residenziale (fino a 20 kW) costituiscono il 58% della nuova potenza installata nel 2018.

Read more...

Per la ricerca nasce il Campus delle energie

Nasce il “campus delle energie” dell’ENEA nel Centro Ricerche Casaccia, alle porte di Roma, grazie al premio istituito dai celebri marchi di orologi “Hausmann & Co e Patek Philippe”, che assegna riconoscimenti anche a giovani ricercatori dell’Agenzia distintisi nei settori energia, nuove tecnologie, sicurezza alimentare, salute, ambiente e clima.

Read more...

Pomodoro biologico, che passione!

Cresce il pomodoro biologico. Nel Nord Italia dai 1.316 ettari del 2015 si è passati ai 2.310 del 2017, il valore è quasi raddoppiato e rappresenta una quota consistente dei 3.800 ettari stimati a livello nazionale, mentre per la campagna 2018, ormai alle porte, si stima che le superfici coltivate con pomodoro bio possano raggiungere al Nord Italia, in base a quanto contrattato, i 2.700 ettari.

Read more...

Canapa e cannabis light, è boom

In Italia che nel giro di cinque anni la canapa ha visto aumentare di dieci volte i terreni coltivati, dai 400 ettari del 2013 ai quasi 4000 stimati per il 2018 nelle campagne dove si moltiplicano le esperienze innovative, con produzioni che vanno dalla ricotta agli eco-mattoni isolanti, dall’olio antinfiammatorio alle bioplastiche, fino a semi, fiori per tisane, pasta, biscotti e cosmetici.

Read more...

Mobilità elettrica, da Veneto Strade piattaforma web

Veneto Strade, partner del progetto europeo e-Moticon (Programma Interreg Spazio Alpino 2014-2020), ha avviato un percorso multicanale a sostegno della mobilità elettrica. Il progetto, che si concluderà nel primi mesi del 2019, cui aderiscono 15 partner e 41 osservatori internazionali in rappresentanza di cinque paesi (Italia, Francia, Austria Germania, Slovenia e Svizzera), prevede, la costruzione di una piattaforma web che consentirà di avere una mappa statica e dinamica dell’elettro mobilità nella regione.

Read more...

Alimentazione. In vigore sanzioni per etichette ingannevoli.

Entrano in vigore oggi, in base al decreto legislativo 23 del 15 dicembre 2017, le sanzioni da 500 a 40mila euro per i produttori che riportano sulle etichette alimentari informazioni false, scorrette o incompleteFederconsumatori ricorda che negli obblighi a carico dei produttori del settore rientrano il divieto di commercializzazione di prodotti non conformi alla normativa vigente, il divieto di riportare informazioni che possano trarre in inganno o indurre in errore il consumatore e la comunicazione delle informazioni relative agli alimenti non preimballati all’operatore che li riceve.

Read more...

Commissione Ue autorizza acquisizione Ilva da parte di ArcelorMittal

La Commissione europea ha approvato, ai sensi del regolamento UE sulle concentrazioni, l'acquisizione di Ilva da parte di ArcelorMittal. La decisione è subordinata alla realizzazione di un ampio pacchetto di misure correttive, sotto forma di cessioni, che permetterà di mantenere una concorrenza effettiva sui mercati siderurgici europei, a vantaggio dei consumatori e delle imprese.

Read more...
Subscribe to this RSS feed

Sezioni

Economia

Lifestyle

Green

 

Chi siamo

Seguici